Mercato elettrico

Un mercato di compravendita dell’energia elettrica ispirato ai principi di trasparenza

Il processo di liberalizzazione del mercato elettrico italiano è stato avviato con l’emanazione del decreto legislativo n. 79 del 16 marzo 1999 (decreto Bersani), che ha recepito nell’ordinamento italiano la direttiva comunitaria sulle “norme comuni per un mercato interno dell’energia” (96/92/CE).

L’obiettivo del legislatore era la creazione e la regolazione di un effettivo mercato per le attività di generazione e di compravendita dell’energia elettrica ispirato ai principi di concorrenza, trasparenza e neutralità. Il decreto Bersani ha così definito la nuova struttura del settore dell’energia elettrica italiano e le norme per la liberalizzazione del mercato. Sono inoltre stati creati una pluralità di soggetti istituzionali (Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale – GRTN, Acquirente Unico – AU, Gestore dei Mercati Energetici – GME) al fine di garantire la libertà di accesso alla rete, nonché l’imparzialità e la neutralità del servizio.

In un primo momento solo alcuni Clienti (principalmente aziende e titolari di P.IVA) sono stati ritenuti idonei a scegliere liberamente il proprio fornitore di energia elettrica, mentre altri restarono vincolati alla fornitura garantita dal distributore locale.

Queste prime soglie di idoneità sono poi state gradualmente ridotte fino alla loro completa eliminazione il 1° luglio 2007 (decreto legge n.73 del 2007), quando si è avuta la completa apertura del mercato alla libera concorrenza.

Prima del luglio 2007, i Clienti domestici dovevano necessariamente rivolgersi all’impresa di distribuzione locale per tutti gli aspetti riguardanti il servizio elettrico, contratto di fornitura e servizi commerciali compresi. Da quella data in poi, invece, alla società di distribuzione locale è rimasta esclusivamente la gestione del servizio di distribuzione dell’energia in regime di concessione, secondo regole e tariffe fissate dall’Autorità per l’energia elettrica il gas ed il sistema idrico (AEEGSI).

Tutti quei Clienti (domestici) che non avessero ancora voluto esercitare il diritto di scelta del proprio fornitore, possono continuare ad essere serviti godendo del cosiddetto Servizio di Maggior Tutela, un regime di tutela tariffaria le cui condizioni economiche sono prestabilite dall’AEEGSI.

My GEKO
PHONE
CHAT